La passione, che forza!

amato
E’ sempre difficile iniziare qualcosa, ancora più difficile “aprire” un discorso, parlare ad una platea… E su questo, sappiamo quanto la PNL (Programmazione Neuro Linguistica) possa aiutarci, in fondo la comunicazione è una scienza e quindi si può imparare.

Comincio quindi con una storia singolare, emozionante e a mio parere eccezionale.

Ma veniamo al titolo di questo post, la passione intesa come forza, come motore che ci spinge ogni giorno ad essere perseveranti, a resistere di fronte agli insuccessi alle delusioni, che ci permette di perseguire, senza distrarci, i nostri obiettivi. E proprio a proposito di passione, vorrei parlarvi di un esempio illuminante, forse umile, poco conosciuto, e incredibilmente toccante di passione, una storia e un uomo esemplare: Anthony Amato.

Sapete anche che la PNL studia l’eccellenza, per modellarla e per “riprodurla”, bene… questo signore (e la sua storia) è un caso di eccellenza, per la forza e la passione con cui ha saputo inseguire un suo sogno.

Anthony Amato nasce a Minori (SA) nel 1922, arriva a New York con il padre, che aveva 6 anni, e da sempre e’ appassionato di musica. Infatti l’amore per la musica, lo deve al padre, macellaio che insegna ai suoi 7 figli a suonare uno strumento.
Anthony, nonostante le difficolta’ e una vita di stenti, lavora infatti come macellaio, panettiere e cameriere, riesce a conservare la sua passione per la musica, per il canto e, arrangiandosi tra mille lavori, appena puo’ corre a partecipare ai concorsi lirici.
E’ qui che conosce Sally, l’amore della sua vita, insieme condividono la grande passione per il teatro. La sua e’ una vera vocazione, al punto che dopo anni di “gavetta” riesce, insieme alla moglie Sally, ad aprire un teatro tutto suo: l’Amato Opera Theatre. Questo teatro diventa un punto di riferimento per la comunita’ italo-americana negli anni 50 e per tutti gli artisti giovani e sconosciuti.
Per oltre 50 anni, Amato, con passione, entusiasmo e voglia di fare scopre, lancia giovani talenti, e le sue capacita’ sono tali che molte delle sue “scoperte” diventano star del teatro americano.
Amato, non e’ solo in questa avventura, infatti la moglie si occupa in prima persona dei costumi, del trucco e da’ un ultimo tocco alle scenografie. E la cosa piu’ bella del teatro e’ l’atmosfera che si vive, la semplicita’ che si respira, il pubblico che alla fine si ferma a chiacchierare con Tony e Sally!
Questo signore, ha portato avanti la sua “missione per la lirica” per 60 stagioni, con passione, entusiasmo, con gioia e dedizione.
Quest’anno, nel 2009, l’Amato Opera Theatre chiude, Tony si concede un meritato riposo.
Questo signore e’ e rimarra’ un grande esempio di come dobbiamo vivere i nostri sogni e le nostre passioni, coltivandoli e rendendoli realta’.
Un esempio da modellare. 🙂
Che forza la passione!!!