Scopri qui, come sopravvivere ad un capo fantasma!

“Ho avuto un capo, diversi anni fa che, di primo impatto, ho apprezzato e rispettato. 

Nelle prime settimane di lavoro, era sempre presente, sul posto di lavoro. I nostri uffici erano accanto.

Poi, d’improvviso, scomparve.

Era costantemente “in viaggio”. Non rispondeva mai alle e-mail o alle telefonate, chiunque fosse a contattarlo. Non ha mai partecipato a conferenze telefoniche o webinar. E alle riunioni ho dovuto sostituirlo. Nessuno sapeva dove si trovava, e l’amministratore delegato, alla fine, mi scelse per gestire le responsabilità del fantasma dopo quasi 16 mesi. 

Finché dopo ben 18 mesi, si presentò nel mio ufficio e mi invitò a pranzo per dirmi che stava lasciando l’azienda e che gli faceva piacere che l’avevo sostituito nelle responsabilità, quasi come se fosse stato lui a promuovermi da lontano.”

Stai anche tu vivendo questa situazione? Vuoi poter sopravvivere al tuo capo fantasma?

Se hai a che fare con un capo fantasma, quello che puoi fare è un passo avanti nelle responsabilità ed assumerti anche quelle del tuo capo, previo accordo con la Direzione. Questo è necessario per te e per il tuo team. Agire una leadership “autodiretta” ti permetterà di trasmettere al tuo team sicurezza e “direzione”, sapendo ciò che deve essere fatto in ogni situazione.